CAGLIATA O “PRIMOSALE” FATTO IN CASA, CON LATTE P.S. (150 KCAL/100 g) // EASY HOMEMADE CURD CHEESE

Formaggio cagliata primosale fatto in casa light con pochi grassi di LA VIE EST FIT
Quantità: 2Porzioni Difficoltà:Facile Tempo: 10 Mins Cottura: 10 Mins Tempo Tot: 20 Mins

Realizzare un formaggio fresco in casa è semplicissimo e molto veloce, bastano alcune accortezze per avere un “primosale” in casa subito pronto: senza caglio e con latte parzialmente scremato.

Stampa la Ricetta

FARE IL FORMAGGIO IN CASA?!

Partiamo dall’inizio: cos’è il formaggio? L’agglomerazione e conseguente precipitazione della caseina con il grasso presente nel latte, che si separano dal suo siero. Quest’operazione si può fare in due modi: per acidificazione o con il caglio. La cagliata, ossia la parte “budinosa” che si ottiene, si taglia poi in diverse dimensioni a seconda del formaggio che si vuole produrre e si lascia sgocciolare nelle fuscelle per poi continuare con la preparazione. Parlando di una produzione casalinga è semplicissimo ottenere un formaggio fresco a metà tra la ricotta e la caciotta facendo semplicemente coagulare il latte con l’aceto. Io adoro l’autoproduzione e dopo aver provato lo yogurt ero curiosissima di far da me anche il formaggio… molte ricette suggeriscono di usare il caglio liquido che si compra in farmacia (2, 3 gocce per litro di latte) oppure con limone o aceto. Per adesso ho provato con questi ultimi, con il limone ahimé il latte non ha coagulato per nulla mentre con l’aceto (di mele!) ho ottenuto uno splendido risultato. Penso che continuerò a provare, quindi aspettatevi altri post in merito ma intanto vi dico di cimentarvi, sopratutto se siete vegetariani e fate fatica a trovare formaggi fatti senza caglio animale o semplicemente se volete fare qualche esperimento. Come per tutte le produzioni casalinghe, mi raccomando: PULIZIA. Non ci vogliono particolari accortezze, io non ho usato neanche il termometro, ma la pulizia, quella è necessaria per evitare qualsiasi problema: ché non succede, ma se succede… 😛

COSA SERVE?

Innanzitutto del latte, io ho usato un litro di latte microfiltrato parzialmente scremato per ottenere 200 g circa di cagliata, qualcosa mi dice che con il latte intero la resa è maggiore, proverò. Poi una pentola, una schiumarola e un cucchiaio tutti e tre in acciaio, ben puliti e asciugati. Infine, dell’aceto di mele e una fuscella. ALT! Non serve comprare le fuscelle: a suo tempo andai in giro per giorni alla ricerca di questi contenitori forati di plastica, trovandone pochi e a prezzi allucinanti. Piuttosto ci sono due maniere per ottenerle praticamente gratis 1. Chiedere al salumiere di fiducia se ne ha un paio, in genere quando si vendono le cacciottine o la ricotta si tende a spostare il formaggio dalla fuscella e a buttarla, potete chiedere. 2. Comprando la ricotta confezionata “fresca” è spesso già presente nella confezione: io la trovo sia in quella Merivio del LIDL che nella Riccotta Caseificio Valcolatte. Vi basterà lavarla bene e asciugarla. Detto questo, mettiamoci a lavoro! In realtà questo formaggio è pronto la mattina per il pranzo, quindi non c’è da fare granché… ultima cosa: avanzerà circa 700 ml di Siero. Il siero di latte è la parte nobile e proteica del latte, non buttatelo! Potete usarlo al posto del latte o dell’acqua per dolci o pane, raccoglietelo in una bottiglia e tenetelo in frigo fino a 3 giorni. Io ho provato a farlo ribollire con altro aceto per ottenere la ricotta, ma non è successo nulla, temo che per la ricotta sia necessario il caglio. Vi terrò aggiornate in caso dovessi riprovarci!

  • Senza caglio
  • Con latte parzialmente scremato
  • Pronto in mezz’ora

 

Formaggio cagliata primosale fatto in casa light con pochi grassi di LA VIE EST FIT

 

Formaggio cagliata primosale fatto in casa light con pochi grassi di LA VIE EST FIT

Informazioni nutrizionali: (per 1 porzione da 100 g)*

Calorie: 150 Carboidrati: 16 g
Proteine: 10 g Grassi: 5 g

*quando si tratta di autoproduzione è difficile calcolare dei numeri, ho preso i valori del latte considerando il prodotto finito ed eliminando i valori nutrizionali del siero rimasto, tuttavia potrebbero variare o non essere precisi!

Ami l’autoproduzione?

Prova il latte di pistacchi fatto in casa, o prepara il mio passato di verdure da congelare!

 

In questa ricetta ho utilizzato: (click per info)

 

 

Ingredienti

0/3 Ingredienti
Modifica Porzioni

Istruzioni

0/5 Istruzioni
  • Facciamo bollire il latte nella pentola, finché non starà per sfiorare il bollore.
  • Aggiungiamo l'aceto e il sale continuando a mescolare e lasciamo cuocere qualche altro minuto, finché il latte non inizierà a coagularsi.
  • Copriamo con un coperchio e lasciamo riposare una mezz'oretta.
  • Con una schiumarola raccogliamo la cagliata e mettiamola nella fuscella, schiacciando leggermente col cucchiaio. Poniamo la fuscella su uno scolapasta e una volta fredda mettiamola in frigo, sempre un po' rialzata per permettere a tutto il siero di uscire.
  • Possiamo servirla fredda o ancora tiepida, con del miele o un filo d'olio e del pepe.

2 Comments

  1. Non si può utilizzare l’aceto di vino bianco al posto di quello di mele? È obbligatorio? Io al supermercato lo vedo sempre col prezzemolo..come fare per mettercelo? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *