Life Style Tutorial

#COMEFARE: 3 ricette per la pasta modellabile fatta in casa (pasta di sale, pasta al bicarbonato)

Oggi è l’8 dicembre, e anche in un anno in cui i festeggiamenti sono partiti un po’ prima perché – diciamocelo – c’è bisogno di atmosfera rilassata e ricca di speranza, l’albero ufficialmente si fa oggi. Io avrei anche iniziato prima, se non fosse che il mio allestimento di casa ha subìto non pochi rallentamenti, vista la zona rossa nella mia regione. Comunque, alla fine, eccoci qui!

Per quest’anno ho deciso che l’albero deve essere tutto nuovo. Abbiamo bisogno di spazzare via un po’ di negatività e di ripartire con il piede giusto, e visto che sarà un Natale diverso dal solito… qualsiasi cosa possa farci stare meglio, per me è approvata! Ma no, non vi sto dicendo di comprare altre palline e festoni, quest’anno mi sono fatta tutto in casa: il mio albero è decorato con ghirlande di popcorn (basta far scoppiare i popcorn in una pentola e poi quando sono freddi infilarli in un filo con l’ago), fettine di arancia essiccate (si possono mettere a seccare sui termosifoni dopo averle tamponate, o in forno a temperatura bassa per un’oretta) e questi splendidi decori fatti in pasta di sale e pasta al bicarbonato.

Ve ne avevo parlato nelle stories di Instagram (@laricettafit), ogni anno trovo la ricetta che più mi convince, ma il Natale seguente… non me la ricordo più. Quindi quest’anno mi sono premunita e ho provato per voi ben 3 ricette per capire quale fosse la migliore, ognuna ha secondo me pregi e difetti, sta a voi scegliere! Per tutte e tre, comunque, gli ingredienti sono pochi e completamente atossici: non uso colla vinilica né altri solventi e tutte e tre le ricette possono essere preparate con i bimbi.

Il cuore a destra è fatto con la pasta di sale, il cuore a sinistra con la pasta al bicarbonato e la stella con la pasta “mix”, le differenze sono già intuibili ma vi riporto sotto ogni ricetta i pro e i contro!

  • OCCORRENTE PER LA PASTA DI SALE:
    1 parte di Farina bianca
    1/2 parte di Sale fino
    Acqua QB.

    In più: Ciotola per mescolare, cucchiaio, un bicchiere di plastica o altro per misurare le quantità, un matterello per stendere la pasta, carta da cucina, una cannuccia o uno stuzzicadente per praticare il foro, nastrini per appenderli.

    PROCEDIMENTO:
    In una ciotola non dovremo fare altro che mescolare tutti gli ingredienti, aggiungendo l’acqua tanta quanto pasta a formare un panetto liscio e non appiccicoso. Questa ricetta è molto facile: se l’impasto è troppo duro, aggiungete acqua, se avete aggiunto troppa acqua, aggiungete altra farina. Una volta ottenuto il panetto basterà stenderlo con il matterello (meglio se tra due fogli di carta forno), dello spessore desiderato – considerate che più sottili sono e più saranno fragili, ma asciugheranno anche prima – e poi ricavarne delle formine a piacere. Non dimenticate di praticare il foro con una cannuccia o uno stuzzicadente, allargandolo bene se usate quest’ultimo. Dopodiché fate asciugare su un piano – sempre con sotto della carta da forno – per un paio di giorni, oppure in forno a 100° per 20 minuti, girandoli di tanto in tanto in entrambi i casi.

    PRO: Facilissimi, si preparano in 10 minuti e se li asciugate al forno ce li avete subito pronti.
    CONTRO: L’aspetto è molto rustico, il bianco tende al beige, ma a me piace così!

  • OCCORRENTE PER LA PASTA AL BICARBONATO:
    60 g di Amido di mais (maizena)
    125 g di Bicarbonato di sodio
    85 g di Acqua

    In più: Un pentolino per cuocere la pasta, cucchiaio, una bilancia da cucina, carta forno, pellicola trasparente, matterello, una cannuccia o uno stuzzicadente per praticare il foro, nastrini per appenderli.

    PROCEDIMENTO:
    Dopo aver mescolato tutti gli ingredienti bisogna accendere il cuoco e mescolare continuamente, finché il composto non formerà una palla staccandosi dai bordi. A quel punto mettiamo il nostro impasto su un piano e aspettiamo si intiepidisca, appena è maneggiabile diamogli un’impastata veloce e poi chiudiamolo nella pellicola trasparente finché non è freddo. A quel punto stendiamo il nostro impasto tra due fogli di carta forno e procediamo come nell’altra ricetta. Anche loro si possono asciugare all’aria o al forno, tenendoli d’occhio e rigirandoli di tanto in tanto.

    PRO: Il bianco sembra quasi gesso, sono decisamente più scenografici e meno rustici.
    CONTRO: La pasta tende a seccare molto velocemente, sono più fragili una volta asciutti, c’è bisogno necessariamente della cottura sul fornello.

  • OCCORRENTE PER LA PASTA “MIX”:
    1 parte di Farina bianca
    1 parte di Bicarbonato di sodio
    1/2 parte di Sale da cucina
    Acqua QB

    In più: Ciotola per mescolare, cucchiaio, un bicchiere di plastica o altro per misurare le quantità, un matterello per stendere la pasta, carta da cucina, una cannuccia o uno stuzzicadente per praticare il foro, nastrini per appenderli.

    PROCEDIMENTO:
    Esattamente uguale alla prima ricetta, in caso ci sia bisogno di aggiungere farina io faccio un mix tra farina e bicarbonato, in modo da non sbilanciare il colore.

    PRO: Sono meno rustici della pasta di sale ma non bianchi quanto la pasta al bicarbonato, il sale comunque li rende “sbrillucicosi” una volta asciutti. Anche loro si preparano molto velocemente e senza cottura.

    CONTRO: Il colore non è omogeneo, ma questo diventa un punto di forza in caso abbiate stampini a rilievo, come nel caso di questi stampi a stella che sono di Ikea e che creano un disegno molto carino!

Visto com’è facile realizzare queste decorazioni fai da te in pasta modellabile? Potete prepararle insieme ai bimbi o riunendo la famiglia, sarà un’attività diversa dal solito ma divertentissima! Se li rifate voglio assolutamente vedere le foto e se avete una ricetta infallibile o qualche trucchetto, scrivetelo nei commenti!

Note*:
Potete dipingere con l’acrilico ognuna di queste paste, oppure aggiungere della cannella per avere l’effetto “biscotti di pan di zenzero”.

Una volta completamente seccati si mantengono perfettamente almeno due anni (o, almeno, quelli che ho fatto due anni fa sono intonsi!).

Sono bellissimi anche come chiudi-pacco, per dei pacchetti regalo unici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!